logo falzea SLOGAN

  1. Narrativa
  2. Gialli/Fantasy
  3. Saggistica
  4. BAMBINI/RAGAZZI
  5. Young Adults

I lunghi capelli sono i primi a bruciare, poi le fiamme attaccano il viso e lo divorano senza sosta, mentre le urla continuano e divengono più acute e insopportabili da sentire… mentre la carne annerisce, esplode e cade e il sangue sfrigola ed evapora…Finalmente, anche la morte ha pietà di lei e decide di farla cadere per sempre…

Fabrizio Carollo , LA SPADA DI SELCE

  • Fabrizio Carollo
  • Pina Tripodi
  • Manuel De Angelis
  • Cosimo Sframeli
  • Marina Nunziato

Novità

In primo piano

libri del mese

Blog d'autore

blog dei nostri autori

Tre storie... frammenti... segmenti.
Segmenti in cui la memoria scorre intensamente sui binari della vita. La memoria di un giorno di lutto. Un omaggio ad ognuna delle anime che quel triste 2 Agosto ha detto addio al mondo che conosciamo, a causa della follia umana. Tre storie di emozioni, di brevi ma intensi viaggi, tre segmenti separati dal tempo ma uniti dal ricordo e dalla luce della speranza. Tre vicende di fantasia, ispirate a un tragico episodio.


Booktrailer

 



Fabrizio Carollo - SEGMENTI
SKU 14822
€6,00

Si può raccontare la quotidianità delirante con uno sguardo ironico e a tratti divertito?
Tiziana, o meglio il suo alter ego Tizianeda, ci prova.
Lei, che vive nella terra capovolta con uno Sposo Errante e due figli.
Questo libro, tratto dal suo blog da cui prende il titolo, è la storia di una funambola. Come funambole sono tutte le donne che cercano di mantenere compatte le vite che stanno loro intorno, senza dimenticare mai l’essenza femmina, di dirsi chi sono, di raccontarsi. Attraverso le sue giornate, Tizianeda offre il suo sguardo stupito che oscilla tra il riso e la commozione, tra la visione del presente e la nostalgia per un passato che non torna, ma che lascia tracce amorose.
La Medaglia del Rovescio ci conduce dentro le nostre esistenze sbilenche, a volte furenti, a volte tediose, eppure capaci di regalarci attimi di prodigiosa bellezza e di inaspettata felicità.

 

Tiziana Calabrò nasce nel 1970, in una città sbilenca odorosa di acqua e sale del sud suddissimo. Vorrebbe che si scrivesse che ha trascorso infanzia e prima giovinezza in giro per il mondo, facendo esperienze così sorprendenti da incidere nelle sue scelte future. In realtà da sempre abita nella stessa città, nella stessa via, nello stesso palazzo e persino sullo stesso pianerottolo. Tuttavia ha molto viaggiato dentro la sua testa senza l’assunzione di sostanze allucinogene, ma con il supporto benefico di molti romanzi e di una certa attitudine naturale. Di viaggi, quelli veri, poi ne ha fatti, ma non crede abbiano influenzato la sua formazione, però si è molto divertita. Quando era madre di una ragazzina di dieci anni, di un bambino di sei e sposa (condizioni che tuttora conserva), ha deciso di aprire in rete un blog che ha chiamato “La medaglia del rovescio” perché il mestiere di avvocata non appagava le sue esigenze creative. Era il 2012. Dal blog è nato uno spettacolo, anzi due e ora anche questo libro. Dal 2012, Tiziana, è salita sul filo del funambolo e da lì non scende più.

 

SEGUILA SU:


www.lamedagliadelrovescio.it

 

 

Lamedagliadelrovescio di Tizianeda




Tiziana Calabro' - LA MEDAGLIA DEL ROVESCIO
SKU 15823
€13,00

Quello strano ombrello a due manici, che aperti formavano un sediolino, era stato l'ultimo regalo della sua Iolanda, prima che quel brutto male gliela portasse via, così all'improvviso, lasciandolo solo ad affrontare le vampate del tramonto, quelle che lui sapeva potevano diventare pericolose se confuse con le luci dirompenti dell'alba. "Non c'è niente di peggio, per un vecchio, del sentirsi giovane!": Attilio Salievi, generale in pensione, dopo una brillante carriera nella Nato, ne era più che convinto, dopo una vita trascorsa nel rispetto più rigoroso delle regole, navigando a vista fra la sponda dei propri sentimenti, delle proprie pulsioni e quella dei sentimenti e delle pulsioni degli altri, per non arenarsi o naufragare, si trattasse anche di Connie, l'affascinante tenente americana degli anni trascorsi a Washington. Ma dice Maurois che "L'arte di invecchiare sta tutta nel sapersi conservare qualche speranza", così un giorno il punto, per il vecchio generale, diventerà se la speranza possa aver nome Amalia, entrata improvvisamente nella sua vita con occhi di sogno ma anche con quasi trenta anni di meno.

Claudio Calandra - L’OMBRELLO A SEDIOLINO
SKU 16823
€13,00

“Se torna il vento della guerra, chi più salva la mia gente?”
Sono versi che un insegnante lascia scritti sulla lavagna l’ultimo giorno di scuola, a Pordenone. Versi suoi, di un poeta pacifista per vocazione in una terra un giorno invasa persino dai Cosacchi, in quel Friuli dove è concentrato, di necessità, l’esercito italiano e dove l’Autore, figlio di un ufficiale, ha fatto ritorno partendo da una Modena infuocata dai lacrimogeni.
Siamo all’inizio degli anni Cinquanta, ed è ancora vivo il ricordo dell’attentato a Togliatti, di una guerra civile evitata dal buonsenso e dalle vittorie di Bartali, ma quel vento sta tornando a soffiare nell’estremo nord orientale dell’Italia, con le rivendicazioni territoriali di Tito che vuole Trieste, con quella Quinta Colonna che trama la rivoluzione bolscevica, con le caserme tenute giorno e notte in allerta.
In particolare quella di Aviano, la “Zappalà”, con i suoi carri armati giunti da Roma, con la benedizione del Papa e della Nato, pronti come sono a fronteggiare il nemico, e dove, in piena simbiosi con armi e soldati, vivono famiglie, crescono ragazzi come l’Autore, che hanno ancora vivo e sofferto il ricordo di una guerra appena conclusa, ma quotidianamente evocata dal rombo dei carri sotto le finestre di casa e dal sibilo dei primi aerei a reazione della vicina Base americana.
è la guerra fredda, vissuta da degli adolescenti tra paure e speranze, da un osservatorio inconsueto qual è una caserma, arrivando a sfidare il filo spinato americano per vedere se alla Base è davvero arrivata la bomba atomica e poterlo così raccontare a scuola.

 

Claudio Calandra, è nato a Paluzza ( UD ) e vive attualmente a Modena, dopo un lungo periodo di lavoro trascorso a Milano.
Dirigente d’Azienda alle Relazioni Esterne di primarie Società, ha avuto l’opportunità di organizzare importantissimi eventi in campo scientifico e sociale. Collabora ora, come freelance, con varie riviste culturali e scientifiche. Come scrittore, ha esordito nel 1993 con Do Svidanija-I Girasoli di Boria (Wichtig, 4 edizioni) racconto, autobiografico, dell’occupazione del Friuli da parte dei Cosacchi nel 1944.
è autore di: Via dei Servi (Marsilio, 1999), opera selezionata al Premio Campiello del 2000; Libera di vincere (Piemme, 2012), scritto con la campionessa olimpionica Manuela Di Centa; Bucce d’arancia sul fronte di Nord Est (Falzea, 2008), romanzo celebrativo delle Portatrici Carniche, eroine della Grande Guerra, giunto alla seconda edizione (2014); L’arroganza del cuore (Falzea, 2010), storia di una donna chirurgo in carriera; L’ombrello a sediolino (Falzea, 2014), sulla senilità, quando si fa adolescente e riscopre l’amore.




Claudio Calandra - SOLO CIELO E SOLDATI
SKU 15826
€13,00